SiXDEVICE riqualifica e migliora l’organizzazione del sistema

Le fasi avvengono simultaneamente ed immediatamente:

Sistema chiuso

Un sistema disfunzionale

Il sistema “chiuso” è inefficiente nel considerare, accettare ed elaborare diverse informazioni e risulta refrattario alla integrazione sensoriale con preclusione alla modalità di organizzazione.

Sistema aperto

Un sistema funzionale

Il sistema in libertà è “aperto”, ricettivo, interagente ed in sintonia con i moduli di informazioni in entrata, quali le funzioni visive, che attivano o inibiscono il sistema nella sua integrità.

Il sistema aperto

Il sistema aperto risulta più incline alle attività di riabilitazione e riprogrammazione con maggiore resa ed in tempi inferiori.

Alla risposta tipica di apertura il sistema risponde con oggettivi livelli di libertà riscontrabili attraverso una superiore efficienza a livello delle funzioni di:

funzioni:
  • Capacità autonoma di Integrazione e coordinazione dei due recettori.
  • Movimenti oculari eseguiti in assenza di: compenso del capo; risposta tensiva oculare, cervicale, mandibolare; risposta neurovegetativa; respiro contratto.
  • Consapevolezza ambientale ed esplorazione spazio.
  • Stabilità binoculare nelle principali posizioni di sguardo.
  • Elasticità del sistema di identificazione responsabile, in condizione di chiusura, dell’evoluzione dei difetti refrattivi.
  • Localizzazione e relazione spaziale coerenti.
  • Equilibrio in presenza di stimoli visivi dinamici.
  • Incremento dei processi di attenzione dell’informazione con risposta elaborativa e motoria più veloce (problem solving → decision making).
  • Integrazione delle informazioni vestibolari, podaliche e somato sensoriali;
  • Rilassamento muscolare che influenza i movimenti ROM, il piano frontale, la chiusura posturale, l’apertura mandibolare, la resa energetica.
  • Calo parziale o totale dei sintomi tensivi di cefalea, disagio e stanchezza.
Image module

I prismi strutturali

I prismi refrattivi hanno una caratteristica di spostamento dell’immagine, agiscono sul sistema muscolo scheletrico ma non hanno effetti sulla armonizzazione in quanto il loro valore è altamente superiore alla ristretta e contratta soglia sensoriale entro la quale il soggetto elabora le informazioni. Di conseguenza i cambiamenti indotti sono consci perché viene forzata un’immediata riorganizzazione del sistema neuromotorio per andare incontro alle nuove richieste di trasformazione percettiva.

Image module
Image module
Image module
Tempi di risposta e risultati di SiXDEVICE
Gli effetti benefici del Dispositivo si riscontrano soggettivamente ed oggettivamente dopo qualche secondo già nella fase iniziale e la risposta tipica ed istantanea è un’attivazione propriocettiva globale con rilassamento e sollievo generale. Sono evidenziabili a livello delle funzioni di base; consapevolezza generale; organizzazione e riposizionamento del sistema; movimento; orientamento; equilibrio e assetto.

Lo studio:

L’immediatezza delle risposte soggettive ed i cambiamenti oggettivi avvengono perché il Dispositivo agisce lungo la via dell’apprendimento e dell’automatismo; la veloce risposta dell’organismo al cambiamento è riscontrabile in modo stabile in qualunque soggetto ed età già dopo 1 mese di utilizzo.

Il Dispositivo risulta compatibile all’uso di apparecchi ortodontici, bite e solette.

grafico-sixdevice
utilizzo

L'uso:

L’utilizzo di SiXDEVICE avviene attraverso un uso giornaliero di poche ore con modalità di impiego ciclico ON/OFF.

  • Per uso ciclico si intende adoperare il dispositivo alternando un tempo di 30 / 60’ di utilizzo (fase On) ad un tempo minimo di 30’ di non impiego (fase Off), per un tempo medio giornaliero On di 180’.
  • Durante la fase On il soggetto può svolgere qualunque attività es. studio, lavoro, mansioni in casa, passeggiare ad eccezione di praticare sport e guidare.
ESPERIENZA VISIVA
Il riconoscimento degli oggetti che ha luogo nella corteccia dipende molto dalle esperienze visive e le memorie visive influenzano le informazioni in entrata. Il sistema visivo presenta due tipi di plasticità; la prima data da un apprendimento percettivo implicito in cui si verifica un’esposizione ripetuta ad un certo tipo di stimolo (quello che si ottiene con la cosiddetta pratica), la seconda connessa alla conservazione dell’apprendimento esplicito di fatti ed eventi che possono essere ricordati consciamente.
AZIONE A LUNGO TERMINE
Questo spiega l’azione a lungo termine del Dispositivo che avviene in quanto durante il periodo di utilizzo On il sistema memorizza e immagazzina le nuove informazioni, per recuperarle successivamente durante le fasi Off e nel periodo di mantenimento, attuo al consolidamento delle informazioni già memorizzate. Il livello di mantenimento/consolidamento avviene, dopo il periodo iniziale, mediante un minimo tempo di utilizzo quotidiano di 30’-60’ per stabilizzare gli effetti acquisiti.